Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ripercussioni dei disturbi alimentari su fertilità e salute"

Da quasi un anno non ho più il ciclo mestruale, purtroppo per problemi legati a disturbi alimentari e bulimia. Come potrei fare per farlo tornare? Avrò dei problemi in futuro per quanto riguarda la fertilità e la salute in generale?

Il problema della bulimia e della anoressia e quello dei loro riflessi sulla funzionalità dell’asse ipotalamo-ipofisi-ovaio sono situazioni decisamente ingravescenti, anche se alcuni miti, come quelli della ricerca della figura eterea femminile, si vanno affievolendo nell’ideale femminile degli ultimi anni. Si tratta in ogni caso di patologie gravi, per le quali non basta un trattamento dietetico qualunque, ma occorre una terapia complessiva di tipo endocrinologico, psichiatrico, ginecologico, dietoterapeutico, spesso di lunghissimo periodo. Talora fare tornare il ciclo è possibile, talaltra risulta impossibile. In ogni caso i possibili danni sulla funzionalità del sistema riproduttivo possono essere notevoli e tali da impedire la fertilità, in particolare nell’atteggiamento anoressico. Olte all’aspetto riproduttivo, vi possono essere problemi di altro tipo, ad esempio sull’osso. Perciò l’invito in questi casi è quello di non demordere.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su