Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ricerca di gravidanza dopo RMN con contrasto"

Desidero sapere se dopo avere effettuato RMN encefalo con e senza mezzo di contrasto è necessario attendere del tempo prima della pianificazione di una gravidanza. La RMN in questione verrebbe eseguita come esame di controllo, quindi non in urgenza, per un epilessia idiopatica completamente controllata da anni con trattamento farmacologico e con precedenti RMN encefalo negative e risalenti a circa 20 anni fa.

L’utilizzo del mezzo di contrasto nella risonanza magnetica nucleare (RMN) non implica la necessità di particolari precauzioni successive, poiché non si tratta di un mezzo radioattivo. Ne consegue che la persona che l’ha eseguita può, compatibilmente con il suo stato di salute, tornare alle sue abituali occupazioni subito dopo aver eseguito l’esame. Ne consegue anche che non vi è nessun razionale scientifico perché dopo una risonanza magnetica nucleare la persona debba rinviare la ricerca di una possibile gravidanza, anche tenendo conto che questo esame non utilizza i raggi X , ma dei campi magnetici.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su