Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Residuo fisso delle acque e arsenico"

Salve volevo un'informazione sull'acqua da bere: quanto deve essere la percentuale di residuo fisso e di sodio? Poi ho letto in un giornale che l'acqua presenta pure tracce di arsenico e c'era una tabella che indicava tutte le percentuali, lei ne sa qualcosa su questo argomento?

Per un soggetto adulto sano la raccomandazione più salutare è quella di bere almeno 2 litri di acqua al giorno, distribuendola in tutta la giornata, anche durante i pasti. Una quantità che si può aumentare quando il clima è molto caldo e in caso di attività sportiva intensa. Per i bambini sotto ai 3 anni, per chi vive, viaggia o lavora in luoghi dove l’acqua dell’acquedotto è scarsa e poco controllata, è necessario bere l’acqua in bottiglia sigillata. Le acque vendute in bottiglia si distinguono per il residuo fisso (rf) cioè per la quantità di sostanze inorganiche presenti. Quelle maggiormente commercializzate in Italia, sono “oligominerali” (rf 50-500 mg/l). Le acque "oligominerali", grazie al ridotto contenuto di sali minerali, favoriscono la diuresi e contengono livelli bassi di sodio. Per la questione dell’arsenico nelle acque potabili, il nostro ministero della Salute ritiene che gli allarmismi siano ingiustificati.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su