Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Reflusso gastroesofageo e salute del cuore"

Ho problemi di reflusso gastro-esofageo. Sono fumatore (sulle 10 sigarette al giorno) e non faccio molta attività fisica perché ogni volta che corro il cuore accelera, il respiro diminuisce e accelera nello stesso momento e, soffrendo di ansia, l'agitazione porta il mio cuore ancora più sotto sforzo. La mia domanda è: fa bene l'attività fisica? Il nostro cuore, sotto sforzo fisico e psichico non rischia? E il reflusso può nuocere alla salute del cuore, visto che mi dà dolore al petto?

Il reflusso gastroesofageo non nuoce al cuore, ma i sintomi posso deviare la diagnosi e preuoccupare soprattutto se si è ansiosi. Quindi bisogna curalo bene e togliere tutti i sintomi. L'attività fisica moderata, continuativa, aerobica e con buon senso è la migliore cura per il cuore; se si soffre di cardiopatia fare l'attivita fisica sempre su consiglio medico. I sintomi che accusa sono in parte dovuti al fumo, ma soprattutto se non ha patolgie degne di rilievo, solo alla mancanza di allenamento. Il cuore sotto sforzo se si è sani, non crea alcun problema anzi.... sempre con buon senso.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su