Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Quando in un bimbo l'autoerotismo diviene patologico "

Una mia alunna già dalla scuola dell'infanzia si "dondolava" sulla sedia. Oggi, all'età di nove anni, manifesta tale atteggiamento molto, molto frequentemente. I genitori hanno sottovalutato il problema: solo ora ricorrono allo psicoterapeuta. A livello ginecologico possono esserci cause che inducono alla masturbazione?

Difficile immaginare cause ginecologiche che perdurano per tanto tempo. Se ci sono, sono in genere acute, improvvise, legate a fastidi locali provocati da infiammazioni, ma guariscono velocemente. Il procurarsi piacere rientra nelle sperimentazioni dell'infanzia e poi dell'adolescenza, con significati diversi. Pura curiosità per i più piccini, con significati sessuali ed emozionali per i ragazzi più grandi. La ricerca continua di un autoerotismo è, invece, patologica, indipendentemente dall'età, soprattutto se avviene anche in situazioni e ambienti che dovrebbero fornire altro tipo di interessi e di gratificazioni. Ha spesso significato di autoconsolazione; un modo per estraniarsi da situazioni in cui non sono a loro agio. Dopo anni in cui una bambina ripete questo gesto di "dondolarsi", a scuola e forse anche in altre situazioni in cui dovrebbe essere attratta da altro, credo sia giusta una valutazione psicologica.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su