Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Progestinici per via vaginale"

Per quanto tempo si può seguire una terapia progestinica per via vaginale, in premenopausa. A quale distanza devono essere eseguiti i controlli ginecologici in questo caso?

Il tempo della terapia va misurato sul tipo di progestinico e sul bisogno clinico che ha indotto l'uso. Se il progestinico è stato utilizzato per il controllo di un ciclo mestruale abbondante, che è la prescrizione più frequente, l'uso deve essere continuato a dosi piene per molti mesi. A questa età è corretto fare un controllo una volta l'anno, indipendentemente dalla terapia instaurata. Senza scordarsi di fare regolarmente il PAPtest e la mammografia.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su