Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Profilassi anti-D per le donne gravide Rh negative"

Ho avuto un aborto nel 2008 e ho il fattore Rh -. Dopo l'aborto mi hanno praticato un'iniezione per non avere problemi in caso di altre gravidanze. Al momento sono incinta e mio marito ha il fattore +. Ho praticato il test di Coombs indiretto che risulta negativo. È necessario che io esegua una profilassi prima del parto?

Vi sono numerosi studi che hanno dimostrato come vi sono effetti positivi (cioè si riduce di molto la possibile sensibilizzazione durante e dopo il parto) se viene effettuata la profilassi anti-D di routine alla 28ª settimana a tutte le donne gravide Rh negative non sensibilizzate (sostanzialmente quelle con test di Coombs indiretto negativo). Ciò però non viene effettuato in tutte le Regioni, né in tutti i punti nascita.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su