Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Probabilità di concepire a 39 anni"

Qual è la probabilità di avere un figlio a 39 anni? È da un anno che cerco di avere un bambino, abbiamo fatto alcuni esami di routine, non sembrano esserci problemi gravi; gli unici scogli sono la mia età e un polipo endometriale di 1 cm scoperto da pochi giorni e che tra pochi giorni sarà rimosso. Dal ginecologo mi è stata prescritta da due mesi una cura di integratori che dovrebbe aiutarci nel raggiungere l'obbiettivo. Secondo il ginecologo dovremmo farcela, io inizio a pensare di mettermi in lista d'attesa per una fivet, perchè avendo quasi 40 anni non vorrei poi che fosse troppo tardi anche per questa nuova strada.

Possiamo tranquillamente affermare che età e probabilità di gravidanza sono inversamente proporzionali. Se a 20-25 anni la fertilità della donna è massima, essa diminuisce drasticamente dopo i 35 anni. Quantificare le probabilità è sempre molto difficile perché i fattori biologici che intervengono, anche personali, sono molti. Possiamo dire che sono circa il 20-25%. Poiché stiamo discutendo di una età in cui anche i centri di fecondazione assistita cominciano a rifiutare la donna, proprio per la scarsa probabilità di successo, sarei anch’io della opinione che valga la pena mettersi in lista d’attesa in un centro specialistico. Va tenuto presente che, purtroppo, nei centri pubblici c’è spesso una lista di attesa molto lunga, che è solitamente più breve in quelli privati (la cui scelta però implica una spesa personale talora importante).


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su