Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Praticare la corsa con prolasso uterino"

Ho 54 anni e da quasi 2 anni sono in menopausa. Attualmente ho riscontrato un inizio di prolasso uterino che a breve dovrò dedicarmi alla riabilitazione pelvica. Premesso che ho eseguito a fine dicembre 2015 un intervento per emorroidopessi hps, il proctocologo non ha nulla in contrario continui il mio sport (corro per 3 volte alla settimana per un'ora alla volta). Posso continuare a praticare la corsa anche con inizio di prolasso uterino?

Non c’è dubbio che la presenza di un modesto prolasso uterino non controindica affatto la pratica della corsa. Ciò che eventualmente la può limitare è l’oggettivo disturbo che la donna eventualmente avesse nel percepire la presenza del prolasso durante la corsa.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su