Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Possibilità di riabilitazione dopo ischemia midollare"

Il 1 marzo mio padre ha subito un intervento al quale è seguita, come complicanza, l'occlusione dell'aorta di Adamkievicz con conseguente ischemia midollare. Attualmente è ancora in terapia intensiva. Dal momento che, oltre i movimenti dei piedi e delle dita del piede destro riacquisiti ha sensibilità superficiale dell'addome e degli arti inferiori, è a conoscenza di possibili metodi di riabilitazione e che speranze si possono avere riguardo il riascquisto motorio? C'è qualche centro specializzato presso i quali potremmo rivolgerci?

Nel mio Ospedale purtroppo non esiste un centro così attrezzato, le consiglio di rivolgersi all'Ospedale Niguarda di Milano ove è presente un'Unità Spinale, cioè un centro riabilitativo che si occupa dei malati che hanno subito una lesione al midollo spinale. In tale sede potranno valuare le possibilità di guarigione di suo padre.


Ha risposto Zilioli Angelo

Foto zilioli

Angelo Zilioli

Neurologo

Dal 1997 esercita presso il reparto di neurologia dell’Azienda Ospedaliera di Lodi. È responsabile dell’USS Stroke Unit. Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia, dove si è anche specializzato in Neurofisiopatologia.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su