Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Polveri, dispositivi di protezione e salute polmonare"

Svolgo la mia attività lavorativa presso un impianto per la produzione di combustibile da rifiuto. Per poter sopravvivere in quell'impianto indosso una maschera facciale con filtro antipolvere P3 5 ore al giorno per 6 gg la settimana. L'utilizzo di tale dispositivo per tempi così lunghi potrebbe danneggiare in qualche modo il mio apparato respiratorio? Il cuore potrebbe esserne in qualche modo interessato negativamente?

Essere a contatto quotidianamente con polveri organiche è sicuramente uno stress molto importante per l'apparato respiratorio in quanto le polveri, depositandosi sull'albero bronchiale, riducono la motilità delle ciglia e agiscono come fattori pro-infiammatori sull'albero tracheobronchiale. È fondamentale usare i necessari dispositivi di protezione individuale, come per esempio quello che indossa lei, per fronteggiare le polveri e comunque non mi risulta che questi dispositivi diano problemi all'apparato respiratorio o al cuore.


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su