RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Polline per l'ipertrofia prostatica e aumento di glicemia"

Sono un uomo di 53 anni e da qualche tempo ho trovato sollievo ai miei disturbi dell'ipertrofia prostatica benigna assumendo giornalmente del polline. Ma recentemente, dopo aver donato il sangue, le analisi hanno rilevato un valore di glicemia pari a 125. Premetto che non è la prima volta che mi capita di avere valori glicemici più alti della norma, ma mi domandavo se l'uso del polline possa aver provocato questo innalzamento.

Il polline può essere utile per alleviare i disturbi causati dall'ipertrofia prostatica benigna. Non credo proprio che il polline possa modificare apprezzabilmente la glicemia. Valuti bene la sua dieta eliminando gli zuccheri semplici e i cibi ricchi di grassi e, se necessario, perda qualche chilo di peso. Inoltre cerchi di aumentare in modo consistente la sua attività fisica. Vedrà che con questi accorgimenti la sua glicemia rientrerà nei valori normali.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su