Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Placenta previa: è possibile il parto vaginale?"

Sono una ragazza di 29 anni alla 36 esima settimana della prima gravidanza e vorrei chiederle se è fattibile un parto vaginale senza problemi con placenta previa marginale a distanza di 20 mm dall'orifizio.

Solitamente la placenta si impianta sul fondo uterino, cioè nella parte alta dell’utero. Qualche volta, un caso ogni 150-200 gravidanze, si impianta sulla parte bassa, che è quella che si dilata in travaglio. Si possono così determinare dei distacchi della placenta con rottura dei suoi vasi e relativo sanguinamento, più o meno notevole a seconda dei casi. Se la placenta previa è realmente marginale, cioè non copre parte dell’orifizio uterino, un parto per via vaginale è possibile, è anzi la norma, poiché la testa del feto comprimendo il bordo placentare ne impedisce il distacco e il sanguinamento. Naturalmente il travaglio va adeguatamente monitorato. Diversa è la condizione di una placenta previa centrale in cui il parto vaginale è impossibile e si impone il taglio cesareo.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su