Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Perdite di sangue nel primo mese di gravidanza"

Da 3 settimane a mia compagna è restata incinta. A parte i normali sintomi di una gravidanza (nausee, vomito, cefalea, stanchezza ecc.) ieri, purtroppo, ha fatto la spesa e ha portato le borse della spesa e anche due casse d'acqua dalla macchina fino a casa. La sera mi ha avvertito che aveva fitte alla pancia e qualche perdita di sangue (poco). C'è il rischio di un aborto spontaneo oppure è semplicemente una minaccia di aborto?

All’inizio della gravidanza, quando c’è il cosiddetto cambiamento del mese, sono molto frequenti modeste perdite di sangue, solitamente più scarse di una mestruazione, talora accompagnate da minimi dolori pelvici. Il limite tra questi segnali e la minaccia d’aborto è labile. Se il sanguinamento diventa più abbondante e i dolori decisi, siamo sicuramente nella condizione di minaccia d’aborto, che va adeguatamente valutata e monitorata dal ginecologo, talora anche con un breve ricovero. Solitamente le piccole perdite di sangue scompaiono dopo il primo trimestre.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su