Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Paralisi periferica del VII nervo cranico, cause"

Due mesi fa mi è stata diagnosticata la paralisi periferica del VII nervo cranico. Ad oggi posso dire che il recupero è avvenuto quasi del tutto, tuttavia ho tanti dubbi poiché nessuno mi ha saputo dire quale sia la causa. Sia il neurologo che il mio medico parlano di frigore e di virus, ma ho letto che le cause possono essere anche altre, come la sclerosi multipla o la malattia di Lyme ad esempio. Il fatto che io sia quasi guarito dovrebbe tranquillizzarmi?

La paralisi periferica del VII nervo cranico (faciale) comporta una impossibilità a corrugare la fronte, chiudere l'occhio, stirare la bocca da un lato del volto. La forma di gran lunga più frequente la paralisi di Bell. In questi casi risulta spesso un recente episodio di perfrigerazione (viene pertanto detta "a frigore", da freddo). Recentemente è stata considerata per questa patologia l'ipotesi virale. Se la diagnosi è stata posta da un neurologo avrà sicuramente preso in considerazione tutte le altre ipotesi eziologiche e le avrà escluse. Comunque ne parli con lui, saprà sicuramente rassicurarla.


Ha risposto Zilioli Angelo

Foto zilioli

Angelo Zilioli

Neurologo

Dal 1997 esercita presso il reparto di neurologia dell’Azienda Ospedaliera di Lodi. È responsabile dell’USS Stroke Unit. Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia, dove si è anche specializzato in Neurofisiopatologia.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su