Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Pannolino oltre i due anni"

Ho una bambina che ha quasi 2 anni e mezzo, le ho tolto il pannolino a giugno quando ha compiuto i 2 anni, visto che a gennaio andrà all'asilo. Ma è un disastro: continua a farsi la pipì addosso 4-5 volte al giorno, nonostante magari 10 minuti prima mi avesse detto che non le scappava... a volte sembra che mi prenda in giro, come quando viene saltellando da me piena di pipì, come se niente fosse, o mi chiama e mi fa vedere dove l'ha fatta...non so più che cosa pensare.

Cara signora, vorrei in tutti i modi tranquillizzarla: questo non è affatto un problema. La bambina ha solo 2 anni e mezzo e potrebbe semplicemente non essere pronta. Tanti bambini non accettano volentieri di togliere il pannolino, ma prima o poi lo tolgono tutti. Sentire lo stimolo e fare pipì e normale alla sua età, così come rispondere "no" pochi istanti prima. Non è una bugia, semplicemente non lo sente. Può provare a soprassedere e riprovarci tra un po', oppure insistere, ma con molta tranquillità e senza che ciò diventi un'ossessione. Ogni 2-3 ore (4 sono tante a 2 anni) la porta sul vasino (personalmente lo trovo più comodo del riduttore) come se fosse un gioco; la loda molto quando dimostra di aver capito a cosa serve, ma non faccia alcuna rimostranza quando sbaglia. È difficile, per un bambino di quella età, capire perchè ciò che era normale fino a poco tempo fa ora faccia così alterare la mamma.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su