Pubblicità

Non esagerare con gli energy drink: aumentano il battito cardiaco

Uno studio tedesco lancia l’allarme: le bevande energetiche possono mettere a rischio il cuore.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 2 minuti

ARTICOLI CORRELATI

battito cardiaco

Uno studio tedesco lancia l’allarme: le bevande energetiche potrebbero mettere a rischio il cuore.

Basta berne una bottiglietta o una lattina e aspettare un’ora per vedere l’effetto sul cuore, ossia un aumento anomalo delle contrazioni cardiache.

È quanto emerge da uno studio sui cosiddetti energy drink condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Bonn, in Germania.

Per dimostrarlo hanno chiesto ad alcuni volontari di sottoporsi a una risonanza magnetica cardiaca dopo aver bevuto un energy drink contenente caffeina (32 mg per 100 ml) e taurina (400 mg per 100 ml).

È stato osservato un aumento della velocità di contrazione dei ventricoli, in particolare quella del ventricolo sinistro, evidente e significativa.

Vuoi sapere qual è il ritmo normale del cuore? Leggi questa scheda: Frequenza cardiaca .

Secondo gli esperti, chi ne abusa corre il rischio di incappare in altri problemi, tra cui tachicardia, palpitazioni, aumento della pressione arteriosa.

I risultati della ricerca sono stati presentati in occasione del meeting annuale della Radiological Society of North America, che si è tenuto di recente a Chicago.

Che cosa contengono

Usati come stimolanti, gli energy drink fanno ormai parte a pieno titolo delle bevande che i ragazzi, e non solo loro, bevono abitualmente.

In genere contengono molti zuccheri, caffeina in notevole quantità (fino a tre volte la quantità contenuta in una tazzina di caffè) e taurina, una sostanza stimolante ed energizzante.

Secondo i ricercatori che hanno condotto lo studio non è ancora chiaro se questa maggiore contrattilità del cuore abbia un impatto sulle prestazioni atletiche né tantomeno se a lungo andare può rappresentare un pericolo per la salute.

CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su