Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Nodo faringeo: cause gastroenterologiche e non"

Ho 44 anni e credo si seguire una alimentazione corretta, sono sportivo, non fumo, non bevo, ma sono un soggetto ansioso. Circa 3 mesi fa dopo periodo altalenanti di ansia e un po’ di stress mi è comparso un nodo faringeo alla gola presente dalla mattina alla sera. Non ho problemi digestivi e la sensanzione sparisce quando mangio o dormo. Aumenta in maniera considerevole quando focalizzo. Il medico di base che mi ha prescritto 2 settimane di ansiolitico senza esito. Dalla visita ORL si evidenzia solo una modesta iperemia come da RGE. Devo andare dal gastroenterologo per vedere se effettivamente ho questa RGE o è meglio che mi rivolgo direttamente a un psicologo?

Il senso di globo faringeo con segni indiretti di reflusso alla laringoscopia possono essere indicativi di reflusso gastroesofageo. Per confermare la diagnosi dovrebbe fare una pH-impedenzometria delle 24 ore, esame che evidenzia gli episodi di reflusso nel corso della giornata correlandoli alla comparsa del sintomo. Se gli accertamenti risultassero negativi, allora può essere utile un consulto psichiatrico.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su