Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Metilsulfonilmetano e gravidanza"

Sto assumendo un integratore di metilsulfonilmetano e ho letto che è sconsigliato in gravidanza, desideravo quindi sapere dopo quanto tempo dall'assunzione è consigliabile una gravidanza senza incorrere in rischi per il bambino.

Le notizie che si raccolgono in letteratura in effetti non confermano la possibilità di danni sulla gravidanza da parte di questa sostanza, che è sostanzialmente una donatrice di zolfo, il quale è un elemento indispensabile per molti processi metabolici del nostro organismo essendo il quarto minerale presente per quantità. Il metilsulfonilmetano (MSM) è classificato come sostanza dalla tossicità paragonabile a quella dell’acqua. Però, siccome in gravidanza le precauzioni non sono mai troppe, è opportuno evitarne l’uso in questo periodo. Per il resto non ci sono dati della letteratura che precisino tempi di attesa tra il suo utilizzo e l’inizio di una gravidanza.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su