Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Macchie residue da follicolite, depigmentanti e sole"

Ho 33 anni e la carnagione chiara; dopo esser guarita da follicolite alle gambe, causata da ceretta, mi sono rimaste delle piccole macchie beige. Sto usando da 5 mesi circa ogni sera la crema depigmentante, ma ancora permangono. Altri rimedi? Posso prendere il sole con protezione 50 o peggiorano lo stesso?

I prodotti depigmentanti per uso cutaneo sono assai numerosi e con formulazioni diverse e la ricerca cosmetologica ne produce sempre di nuovi. In realtà è difficile consigliare un prodotto piuttosto che un altro in quanto la risposta individuale è estremamente variabile. In genere si prova una crema per un paio di mesi: se non si manifestano miglioramenti è meglio sostituirla. L’esposizione solare con una buona protezione media non dovrebbe peggiorare la situazione. I numeri indicanti il livello di protezione riguarda solamente le radiazioni UVB e non sono molto indicativi: 50 di una marca può equivalere a 30 o meno di un’altra, per cui bisogna considerare tutta la gamma del prodotto in questione. Attualmente si preferisce usare termini come bassa, media o alta, con l’indicazione del potere filtrante anche verso gli UVA.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su