Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Iperprolattinemia, micropolicistosi e difficoltà a concepire"

Sono una donna di 36 anni con problemi di iperprolattinemia riscontrata anche dopo dosaggi seriali, in seguito ad analisi di routine consigliate dal ginecologo in virtù del fatto che dopo due anni di rapporti non protetti io e mio marito non riusciamo a concepire. I valori sono attualmente 63 ng/ml. L'ultimo ginecologo a cui mi sono rivolta esperto in infertilità di coppia ha riscontrato una lieve inversione LH/FSH sospettando una sindrome dell'ovaio policistico e mi ha prescritto glucophage e un integratore a base di acido folico. Dopo tre mesi di terapia però i valori LH/FSH sono nella norma, ma la prolattina è sempre alta. Tutti gli altri ormoni sono nella norma. Secondo lei con quei valori di prolattina è possibile che possa instaurarsi una gravidanza?

La sovrapposizione di una micropolicistosi ovarica e di una iperprolattinemia possono essere di ostacolo alla fertilità, ma questo non è sempre vero, perché ciò è in relazione con altri parametri biologici e con delle variabili individuali. Però va ricordato che gli elementi che entrano in gioco nella fertilità di una coppia possono essere molti e spesso non sono individuabili, sia a livello femminile che a livello maschile. Solitamente, se una coppia non ottiene un concepimento dopo un anno di ricerca sistematica, si ritiene che sia consigliabile rivolgersi a un centro per la fecondazione assistita, che procederà in modo sistematico alla ricerca degli elementi che siano di ostacolo ed eventualmente rimuoverli, oppure procederà con le tecniche di fecondazione assistita.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su