Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Intervento di riduzione delle gengive"

Sono un uomo di 42 anni, ex grande fumatore. Soffro di piorrea e il dentista mi ha suggerito un intervento chirurgico di riduzione delle gengive, per evitare danni ai denti che sono sani, ma cominciano ad avere una certa mobilità. È davvero opportuno farlo? Non sarà troppo doloroso?

La malattia parodontale comporta nel tempo la mobilità dei denti fino alla loro perdita. Bisogna intervenire per tempo con una diagnosi corretta e con trattamenti specifici che vanno da specifiche metodiche di igiene orale professionale sino a eventuali interventi chirurgici finalizzati al mantenimento di una igiene orale domiciliare corretta che tiene sotto controllo i fattori causali dell’infiammazione dei tessuti di supporto dei denti. Eventuali disagi dovuti a questi interventi sono giustificati dalla necessità di intervenire per prevenire la perdita dei denti stessi.


Ha risposto Pedone Maurizio

Pedone

Maurizio Pedone

Odontoiatra

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1985 con 110 e lode presso l’Università degli Studi di Firenze, consegue poi la specializzazione in Odontostomatologia e protesi dentale nel 1992 presso l'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con il massimo dei voti. Dal 1985 al 1999 è Ufficiale Medico presso l'Aeronautica Militare.

Torna su