Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Integratori energizzanti se si è sovrappeso"

Ho subito un anno fa l'intervento di tiroidectomia completa, che mi ha creato non pochi problemi in termini generali, tra cui una spossatezza tale che non mi consente di svolgere le normali funzioni. Ho inoltre iniziato un mese fa, una dieta elaborata da un nutrizionista, ma non so se questa abbia accentuato la mia condizione di astenia. Il mio nutrizionista mi ha detto che non dipende dalla "dieta" e il mio endocrinologo mi ha detto che non dipende dall'intervento poiché gli esami eseguiti risultano nella norma. Il fatto è che io sto male e sono grasso, condizione che mi crea problemi anche ad andare a nuotare. Cosa potrei fare?

Per prima cosa è bene sapere che dopo un intervento di tiroidectomia totale se si assume un’adeguata terapia sostitutiva e gli esami di controllo sono buoni non c’è motivo di sentirsi senza forze. Dunque vanno approfonditi i motivi della grave astenia da lei avvertita così come quelli del malessere generale. A parte tutto questo non esistono alimenti/integratori energizzanti che non portino con sé calorie. Sarebbe una contraddizione in termini, perché di fatto l’energia è “fatta di calorie”. Il consiglio che posso darle è di consultare il suo medico in modo da poter stabilire prima di tutto da dove deriva l'astenia.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su