RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Insonnia ed osteopatia"

Mio marito spesso soffre d'insonnia. Passa anche notti intere senza dormire. Ho letto su internet di osteopati che hanno risolto il problema del sonno nei bambini è possibile risolverlo anche negli adulti? Inoltre noi abbiamo una bimba di 10 mesi che si sveglia la notte a volte anche 4-5 volte può essere un inizio della stessa cosa che ha mio marito? Ci tengo anche a dirle che mio marito da piccolo ha sempre fatto fatica a dormire come la mamma e prima di lei la nonna... è una cosa ereditaria?

L'insonnia negli adulti può avere differenti cause, spesso legate ad ansie, stress lavorativi, problemi affettivi. La perdita del sonno a lungo termine altera il ciclo circadiano che si compie circa ogni 24ore. In questo arco di tempo si ripetono regolarmente certi processi fisiologici tra questi, quello deputato alla secrezione di ormoni capaci di regolare il sonno e la veglia. In questo caso l'intervento dell'osteopata è mirato a rendere funzionale questo ciclo rimuovendo le cause strutturali, fasciali, viscerali che impediscono all'organismo di funzionare correttamente. I disturbi del sonno del neonato possono avere origini diverse. L'intervento osteopatico, anche in questo caso, si focalizza sul ripristino di una o più limitazioni funzionali attraverso tecniche manipolative delicate. Il trattamento osteopatico è bene ricordare che è complementare alla medicina e non alternativo. Interviene su ciò che è disfunzionale, non su ciò che è patologico.


Ha risposto Boccalandro Elena

Boccalandro

Elena Boccalandro

Terapista della Riabilitazione, Dottore in Osteopatia

Diplomata in Terapia della Riabilitazione nell’anno 1993/94 e Dottore in Osteopatia dal 1999, è regolarmente iscritta al Registro Osteopati Italiani. Dal 1994 lavora in qualità di libera professionista.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su