Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"I possibili danni dei disturbi alimentari"

Quando avevo 12 anni ho avuto problemi legati all'alimentazione. Volevo dimagrire e non mangiavo. I miei genitori mi hanno subito curata ma nonostante tutto sono andata avanti alcuni mesi non ricordo con precisione. Sono dimagrita molto ma non ho avuto l'arresto del ciclo. Solo quando mia madre mi ha portato dallo psicologo ho ripreso a mangiare normalmente. Dagli esami non è risultato nulla di grave, ma mi rimane il dubbio di aver minato la normale crescita e la salute.

Avere un periodo con forte restrizione alimentare proprio nell’età del massimo accrescimento, l’adolescenza, non può certo giovare alla salute. Tuttavia, nel suo caso particolare, forse, (non conoscendo precisamente la sua storia e il suo stato attuale non posso avere certezze) l’alimentazione è stata ripresa in tempo utile. Ma i danni possono presentarsi anche diversi anni dopo. Quindi il mio consiglio è quello di consultare il suo medico curante per fare un controllo della mineralizzazione ossea (MOC) e di non abbandonare del tutto la psicoterapia. Magari senta anche lo psicologo, perché la cosa più importante è capire perché lei ha avuto un simile episodio. E per stare più tranquilla le direi anche di consultare un endocrinologo. Non ho elementi sufficienti per risponderle per ciò che riguarda la normale crescita, come lei dice, comunque la cosa migliore da fare, oltre quanto sopra detto, è farsi prendere le misure da un nutrizionista esperto che potrà quantificare anche la sua massa grassa attuale e la sua massa magra che sono importanti per stabilire il suo stato nutrizionale.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su