Pubblicità

Ho 50 anni e faccio fatica a vedere da vicino. Che posso fare?

Per mettere a fuoco l’immagine di un oggetto vicino è necessaria la variazione della curvatura del cristallino che viene indotta dalla contrazione del muscolo ciliare. Questa capacità, detta accomodazione, non si mantiene intatta per tutta la vita: anche chi da giovane ha occhi perfetti in genere dopo i 45 anni comincia ad avere difficoltà nella visione ravvicinata, difficoltà che diventa sempre più evidente con il passare degli anni. La prima e più semplice misura è quella di utilizzare appositi occhiali o lenti a contatto. Esiste anche la possibilità di risolvere il problema attraverso la chirurgia refrattiva. Sicuramente d’aiuto è poi una regolare assunzione di vitamine tramite gli alimenti o, quando le richieste dell’organismo aumentano, assumendo i giusti integratori. In particolare le vitamine più importanti per la vista sono la A, la C, la E e le vitamine del gruppo B.

Nota per il visitatore

In questa “farmacia virtuale” si trovano le risposte ai quesiti più frequentemente posti dal pubblico ai farmacisti. La correttezza dei contenuti scientifici è validata dalla supervisione di un pool di farmacisti, coordinato dalla Dottoressa Susanna Trave.

Questo servizio ha puro scopo informativo e in nessun caso può costituire la prescrizione di un trattamento, né sostituire il rapporto diretto con il proprio medico curante o una visita specialistica. Per approfondire gli argomenti e per avere risposte mirate a risolvere i vostri specifici problemi si consiglia di chiedere al farmacista di fiducia.

L’allestimento di questa “farmacia virtuale” è realizzato, in ottica di category management, in collaborazione con Bayer Consumer Health.

Torna su