Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Gravidanza: come pulire frutta e verdura?"

Desidero ricevere informazioni circa il corretto lavaggio dei cibi da mangiare crudi in gravidanza. L'acqua basta? O è da preferire l'ammollo con bicarbonato o amuchina e, nel caso, tra i due prodotti qual è da preferire? Ci sono poi cibi che anche ben lavati non assicurano di non contrarre la toxoplasmosi? Penso alle fragole per le quali, essendo porose, forse il lavaggio non è sufficiente.

In generale viene consigliato a tutte le donne in gravidanza di porre attenzione alla manipolazione dei cibi, anche perché è buona cosa che la donna non acquisisca infezioni nel corso della gravidanza. Alcune di queste infezioni possono passare al feto e danneggiarlo. L'uso del bicarbonato può essere sufficiente, anche se di per se il bicarbonato non è un disinfettante. Allo stesso modo può essere utilizzata l'amuchina diluita. Ma anche lavare bene la frutta e la verdura sotto acqua corrente diluisce ovviamente la presenza di batteri, e ciò è spesso sufficiente. Se la frutta è dura si può anche spazzolare leggermente. La frutta delicata o fragile, come per esempio le fragole, può essere posta in un colino e lavata con lo spruzzo del lavandino. Non conviene lavare frutta e verdura con detersivi e sapone perché non sono stati pensati a questo scopo e possono lasciare residui. La frutta sbucciabile va mangiata sbucciata. È comunque importante lavarsi bene le mani con acqua e sapone prima di manipolare qualunque alimento. È opportuno anche lavarsi bene le mani con acqua e sapone dopo qualunque attività all'aperto o dopo aver manipolato pezzi di carne cruda (per i pericolo di toxplasmosi) e occorre lavare gli utensili di cucina con acqua calda e detersivo prima di riutilizzarli.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su