Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Granuloma: che cosa fare"

In questi giorni sono un pò in ansia. Premetto che non ho mai avuto problemi dentali solo un po' di gengivite tenuta a bada con un buon colluttorio, ma da un po' di tempo ho un granuloma. Non mi ha mai dato fastidio ma facendo ricerche sul web ho letto che bisogna toglierlo per non aver problemi su tutto l'organismo (considerando che da qualche mese ho male alla schiena ho paura che il granuloma stia creando problemi anche in questo campo) cosa mi consiglia di fare? Basta una cura farmacologica o è necessario rimuoverlo?

Nonostante il nome "granuloma" evochi eventi patologici sinistri, non è altro che l'infezione cronica dell'apice di un dente, una sorta di brufolo purulento. Quali siano i rischi per l'organismo nella convivenza con uno o più granulomi non è ancora molto chiaro anche perché praticamente tutti i denti devitalizzati ben presto hanno il loro granuloma anche se non evidente clinicamente e radiologicamente. Vi sono diversi indizi che la presenza di granulomi sia associata a un rischio cardiovascolare; in effetti ogni volta che si mangia sopra un dente portatore di granuloma si pompano in circolo batteri in quantità. L'eliminazione temporanea del granuloma avviene con la devitalizzazione d'eccellenza, quella definitiva con l'estrazione del dente. Non si tratta di costi elevati.


Ha risposto Pedone Maurizio

Pedone

Maurizio Pedone

Odontoiatra

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1985 con 110 e lode presso l’Università degli Studi di Firenze, consegue poi la specializzazione in Odontostomatologia e protesi dentale nel 1992 presso l'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con il massimo dei voti. Dal 1985 al 1999 è Ufficiale Medico presso l'Aeronautica Militare.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su