Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Frutta sciroppata tutti i giorni "

Mia suocera, alla quale per motivi di lavoro lascio la mia bimba di 20 mesi, tutti i giorni a fine pranzo le somministra la frutta sciroppata (ananas, pere, pesche, albicocche. Vorrei sapere se fa male dal punto di vista nutrizionale o se è troppo calorica per la sua età.

La frutta sciroppata non fa male in se stessa. È molto dolce, contiene inevitabilmente conservanti (anche se li definiamo naturali) ed è più calorica della frutta fresca. Sarebbe meglio non abusarne. A parte le calorie, che sono importanti se la sua bambina è tendenzialmente cicciottella, sarebbe giusto abituare la bambina ai sapori differenti della frutta fresca di stagione (la frutta sciroppata, in fondo, è un po’ tutta uguale), inoltre, le fibre presenti nella frutta fresca, si riducono molto nella frutta conservata, frullata, spremuta o, comunque, lavorata. Detto questo, lascio a lei la valutazione sull’opportunità o meno di intervenire con sua suocera: consideri l’aiuto prezioso che le arriva, il rapporto nonna-bambina, cioè la invito a considerare anche altri aspetti del problema, oltre a quello nutrizionale. Spesso le nonne agiscono sulla base della loro esperienza personale (hanno cresciuto altri figli e altri nipoti), magari non tutto concorda con le più recenti indicazioni dei pediatri, ma il problema va affrontato con la dovuta delicatezza e buon senso.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su