RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Fedi nuziali tatuate"

Sono un trapiantato di rene ed essendo in procinto di sposarmi avevo l'idea di farci fare un anello tatuato sul dito anziché le classiche fedi che non sono "eterne". Mi chiedevo se il rischio di un tatuaggio anche se piccolo può essere maggiore dei graffi del gatto (ho sempre avuto gatti) che rimangono anche per molto tempo dopo e che finora non mi hanno mai dato problemi.

Il tatuaggio deve essere fatto da personale qualificato con le dovute precauzioni e con materiali di qualità; in questo caso non si dovrebbero verificare complicazioni.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su