Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Farmaci e gravidanza"

Salve, da due settimane sto prendendo pantoprazolo una volta al giorno e magaldrato anidro dopo i pasti, devo fare questa cura per due mesi. Con mio marito stiamo cercando di avere un figlio e volevo sapere se questi medicinali possono influenzare in modo negativo il concepimento o la gravidanza nei primi mesi.

L'utilizzo di pantoprazolo e magaldrato acido non si accompagna a possibili interferenze con il concepimento. Al tempo stesso, pur non essendoci estesi studi clinici sull'uomo, gli studi sugli animali e la lunga ed estesa esperienza di utilizzo nell'uomo senza segnalazione di particolari malformazioni ne indicano un possibile utilizzo sicuro in corso di gravidanza. Va però ricordato che circa il 4 per cento dei neonati ha problemi di malformazione, in cui l'incidenza del fattore farmaci è sicuramente al disotto dello 0.5 per cento.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su