Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Farmaci contro gli attacchi di panico e fertilità"

Io e mio marito cerchiamo un bambino da quasi un anno. Il nostro dottore ci ha fatto eseguire uno spermiogramma, dicendoci che i valori di riferimento sono al di sotto di un punto, ma che non è una situazione drammatica. Mio marito prende da irca un anno paroxetina alla quale, in passato, ha associato 10 gocce di alprazolam che non prende più da 5 giorni: tali farmaci potrebbero interferire negativamente con la gravidanza da noi cercata?

Riguardo all'alprazolam non esistono dati che dimostrino una riduzione della fertilità. Al contrario, esiste qualche dato per la paroxetina. La relazione tra paroxetina e riduzione della qualità del liquido seminale è stata però documentata solo da pochi studi, sia sull'uomo che su modelli animali. Inoltre, non è mai stato studiata la relazione tra paroxetina e ottenimento di gravidanza (qualità del seme e ottenimento della gravidanza non vanno invariabilmente di pari passo). La valutazione della coppia infertile è comunque un argomento quanto mai delicato e richiede una preparazione specialistica. In particolare, è necessario che lo spermiogramma venga svolto in laboratori specializzati, che eseguono controlli di qualità, e la sua interpretazione è anch'essa da svolgersi in ambito specialistico. Numerosi fattori contribuiscono a un ritardo nell'ottenimento della gravidanza, perciò il potenziale effetto della paroxetina va inquadrato in ambito più generale, considerando ed eventualmente correggendo tutte le possibili condizioni che possono contribuire al ritardo della gravidanza. Quindi, per valutare l'eventuale presenza di fattori che possano ridurre la probabilità di fertilità vi consiglio una visita specialistica endocrinologico/andrologica ed endocrinologico/ginecologica.


Ha risposto Maggi Mario

Fotomggi

Mario Maggi

Andrologo e sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Firenze, si è specializzato in Endocrinologia nel medesimo Ateneo. Dal 2005, è Direttore S.O.D. Medicina della Sessualità e Andrologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su