Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Extrasistolia non rilevata a Ecg, Holter e ecocardio "

Sono una donna di 36 anni. Alcuni mesi fa ho avuto un episodio di extrasistole (avvertivo ogni minuto, per più di un'ora, un battito anomalo o battito mancato); dopo oltre 2 ore sono andata al PS, ma nel frattempo era tornato tutto alla normalità e nell'ecg non si è evidenziato nulla. L'holter, eseguito durante camminata e corsa andava bene. Dopo alcuni mesi ho riavuto il fenomeno e ultimamente avverto spesso qualche battito "anomalo". Ho eseguito ecocardiogramma (eco 2d doppler) risultato nella norma. Tuttavia queste sensazioni le avverto tuttora e spesso. La pressione arteriosa è buona. Mi chiedo se devo preoccuparmi e se devo indagare oltre o può essere solo ansia e paura.

Con la completezza degli accertamenti fatti io escluderei ogni patologia cardiaca. Le extrasistoli che lei accusa sono sporadiche e possiamo tranquillamente dire fisiologiche, molti soggetti non si accorgono neanche di averle. Le consiglio di rivolgersi a un cardiologo di fiducia con tutta la documentazione per farsi tranquillizzare. I suoi sintomi sono solo ansiosi, nulla è emerso a test accurati e di secondo livello. Non pensi neanche per sogno ad uno studio elettrofisiologico: nessun cardiologo lo farebbe per questi sintomi, è troppo invasivo. Si tranquillizzi, ma ne parli con un cardiologo portando esemi del sangue di routine e funzionalità tiroidea.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su