Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Esofago di Barrett, risoluzione con terapia adeguata"

Può sparire l'esofago di Barrett con una terapia adeguata? Diagnosticato nel 1991, nel 2005 non era più presente.

L’esofago di Barrett è una malattia benigna, definita come lesione precancerosa perché in una bassa percentuale di casi (circa il 2-5%) può evolvere in una lesione neoplastica. Si tratta della complicanza più grave della malattia da reflusso. Pertanto se trattato con terapia adeguata può regredire. Occorre inoltre uno stretto follow up endoscopico, soprattutto per prevenire l’evoluzione della metaplasia in displasia.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su