Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Esofagite da reflusso a 9 anni"

Mio figlio ha 9 anni e ha un'esofagite da reflusso di grado B (classificazione di L.A.) con tre lesioni da 10 mm. Su questa cosa c'è da preoccuparsi o posso stare tranquilla?

Il reflusso gastroesofageo è un disturbo molto comune nei bambini, soprattutto nei primi mesi di vita. Si tratta di una condizione fisiologica fino circa all’anno di età e nella maggior parte dei casi (95%) scompare spontaneamente entro i 18-24 mesi, mentre raramento può durare fino all’età di 4 anni. In questi casi il reflusso è un disturbo passeggero. Invece se persiste nei bambini più grandi diventa sintomatico e patologico. Esso consiste nella risalita in esofago di materiale prevalentemente acido presente nello stomaco pertanto, in base alla quantità e alla durata, può creare lesioni infiammatorie o ulcerative a livello della mucosa esofagea. Non si tratta, tuttavia, di una patologia cronica né irreversibile. Con un trattamento adeguato e controlli periodici si tende alla regressione delle lesioni della mucosa esofagea e al miglioramento dei sintomi.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su