RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Esantema morbilliforme non meglio identificato"

Mia figlia 12 giorni fa ha avuto una febbre forte seguita da gola infiammata, esantema morbilliforme e congiuntivite essudativa a un solo occhio. Dopo qualche giorno vedendo la febbre persistere abbiamo deciso di recarci al pronto soccorso dove la pediatra ha ipotizzando una sindrome di Kawasaki. Nei giorni successivi, sono state fatte analisi che hanno scongiurato la presenza della patologia, intanto i sintomi erano spariti e al quarto giorno di terapia antibiotica anche la febbre non è più salita. Ora la bambina è ormai da 5 giorni in piena salute, ha ripreso a mangiare e domani dovrebbe essere dimessa. In ogni caso nessuno ha saputo dare una risposta alla comparsa dell'esantema e della congiuntivite giustificandoli come una "forma virale" che a me francamente pare poco.

Nello specifico, non mi permetto di pensare né di formulare ipotesi, visto che non ho visitato la bambina nel momento in cui era sintomatica, né ho visto alcuno degli accertamenti che le hanno fatto. Posso però rassicurarla sul fatto che, a volte, alcune patologie scompaiono da sole (per fortuna!), senza che noi medici siamo stati in grado di definirle con precisione. Molte infezioni virali provocano febbre più o meno elevata e prolungata e si accompagnano a esantemi non meglio precisati, se non con la dicitura morbilliforme, rubeoliforme eccetera. Vuol dire che ricordano una ben più nota malattia, ma non sono la stessa cosa. Non significa sminuirle, ma solo dare una definizione del sintomo, non riuscendo a catalogare con certezza la causa. L'importante, direi, è che sia tutto risolto.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su