Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ernie discali cervicali e intervento chirurgico "

Lo scorso giugno ho scoperto di avere 2 ernie discali posteriori estruse in sede mediana e paramediana (c4/c5 - c5/c6) che occupano lo spazio epidurale anteriore, improntano la corda midollare ed occupano i tratti preforaminali del canale vertebrele. Come terapia ho eseguito 10 giorni di cortisone, 3 mesi di assoluto riposo e in questo periodo ho indossato 6 ore al giorno il collare di Shanz. A Settembre ho ripetuto la risonanaza che evidenziava una netta riduzione delle ernie. Siccome faccio il militare e a causa di questa patologia mi è stato messo in discussione il posto di lavoro, dovrei prendere in considerazione l'intervento chirurgico che il neurochirurgo che mi segue ha sconsigliato?

Le terapie che ha seguito sono corrette, come dimostrato dal miglioramento del quadro radiologico. Io seguirei il consiglio del suo neurochirurgo procrastinando il più possibile l'intervento chirurgico. Nel frattempo sarebbe utile una visita fisiatrica e successivamento un ciclo di fisioterapia per cercare di migliorare il suo tono muscolare e correggere eventuali vizi posturali.


Ha risposto Zilioli Angelo

Foto zilioli

Angelo Zilioli

Neurologo

Dal 1997 esercita presso il reparto di neurologia dell’Azienda Ospedaliera di Lodi. È responsabile dell’USS Stroke Unit. Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia, dove si è anche specializzato in Neurofisiopatologia.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su