Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ernia jatale: il ruolo della chirurgia"

Dopo due anni di cure tradizionali ed omeopatiche ho rifatto la gastroscopia, risultato: ernia itale, mucosa gastrica con flogosi cronica e diffusa metaplasia. HP negativo. Dopo due anni di cura e dieta drastica non è cambiato niente. Operando l'ernia iatale pensa che possa risolvere il problema?

L’indicazione all’intervento chirurgico in caso di ernia jatale prevede una attenta valutazione delle caratteristiche e della dimensione dell’ernia, ma anche la mancata risposta alla terapia medica, basandosi non solo sulle caratteristiche istologiche, ma soprattutto sulla risposta ai sintomi. Se la terapia medica tradizionale associata alla dieta non ha dato risposta alcuna, può rivolgersi in un Centro che si occupi di Chirurgia esofagea, esistono vari trattamenti sia endoscopici sia laparoscopici efficaci per un buon periodo di tempo, naturalmente non scevri da complicanze.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su