RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Episodi tardivi di pavor nocturnus"

Mio figlio, di 13 anni, ha avuto dai 3-4 ai 9-10 anni episodi di pavor lievi che solo in alcuni momenti si intensificavano; so di cosa si tratta e so che sarebbe andato via da solo, come infatti si è verificato. Però improvvisamente nell'ultima settimana, dopo tre anni di assoluta assenza, si sono verificati due episodi anche se di durata molto brevi rispetto alla media e ai suoi precedenti, nell'ordine dei 20-30 secondi. Ora visto che l'età è ai limiti di quella tipica e visto che non aveva più episodi da anni sono un po' preoccupato e volevo sapere cosa è meglio fare.

Il pavor nocturnus è un disturo del sonno, si definisce una parasonnia. Accade nella prima parte della notte: il bambino si alza nel letto, appare molto spaventato e agitato, grida, non è contattabile: di fatto sta ancora dormendo. Toccarlo peggiora le cose, mentre può servire parlargli dolcemente. Dopo un tempo variabile da pochi secondi a mezz'ora, si riaddormenta tranquillo, e al risveglio del mattino non ricorda nulla, nessun incubo. In genere riguarda la prima infanzia, l'età prescolare, ma è possibile che in periodi emotivamente stressanti si verifichi anche nella tarda infanzia/preadolescenza e, a volte, anche nell'età adulta. I consigli sono sempre gli stessi, parlare dolcemente al ragazzo, ma anche stargli vicino in genere, per capire se qualcosa lo sta turbando, in una fase della vita di per sé "difficile" e densa di cambiamenti di ogni tipo. Ciò che il mondo adulto da per acquisito e guarda con un sorriso è ancora tutto da costruire quando si parla di adolescenti.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su