Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Episodi di ipoglicemia nei bambini"

Ho un bimbo di 28 mesi. A giugno ha avuto un episodio di vomito mattutino giallo ancora a digiuno. Al pronto soccorso hanno fatto la flebo e si è ripreso immediatamente. Ieri mattina stessa cosa. Riportato al PS hanno fatto un'eco addome completo risultata negativa, e la glicemia che era 59. Lo hanno dimesso con glicemia chetonica semplice. Mi hanno detto che è una situazione frequente nei bambini, soprattutto se di costituzione magra. Questa volta è bastata una bustina di zucchero per farlo vivacizzare. Durante il momento critico invece sudava tantissimo era pallido con occhi cerchiati e labbra bianche. Il padre del bambino da piccolo faceva spesso acetoni, gli davano zuccheri e tutto passava. Mi devo preoccupare? Ora il bimbo è vispo e mangia.

Alcuni bimbi hanno poche riserve di glicogeno, cioè uno zucchero di deposito, che viene mobilizzato durante i periodi di digiuno per mantenere un normale livello di glicemia nel sangue, oppure hanno qualche difficoltà a mobilizzarlo. Spesso questo accade nei bimbi più magri. Un episodio di febbre, che aumenta il consumo di zuccheri, o un digiuno protratto o un episodio di vomito, oppure ancora un'attività fisica un po' più intensa del solito, possono provocare un'ipoglicemia con i sintomi che lei ha ben visto in suo figlio, pallore, tremori, debolezza. Basta somministrare zuccheri, in flebo o per bocca, per risolvere i sintomi. Il consiglio è di evitare il digiuno prolungato, assumere cibi contenenti zuccheri, tenere pronte delle caramelle zuccherate (tipo gelatine di frutta, che di solito piacciono anche a più piccoli e si sciolgono velocemente in bocca), durante gli episodi febbrili somministrare bevande zuccherate e cibi leggeri e digeribili (fette biscottate, biscotti secchi, pane o grissini). Se anche il papà da bambino ha avuto questo problema è facile che si tratti della stessa cosa, che crescendo si sistemerà.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su