Pubblicità

È vero che gli antistaminici fanno venire sonno?

Gli antistaminici sono utilizzati per alleviare i sintomi delle allergie perché contrastano l'azione dell'istamina, una molecola liberata dalle cellule del nostro sistema immunitario proprio durante le reazioni allergiche. I cosiddetti antistaminici di prima generazione (come la difenidramina e la clorfeniramina) agiscono in modo poco specifico e bloccano anche altri recettori a livello del sistema nervoso centrale, provocando sedazione e sonnolenza. Gli antistaminici di seconda generazione però, (come loratidina, cetirizina e fexofenadina), che sono più specifici, giungono più difficilmente al sistema nervoso centrale ed essendo più efficaci possono essere utilizzati a dosi inferiori. Per questi motivi la sonnolenza che può seguire il loro utilizzo è molto più limitata.

Nota per il visitatore

In questa “farmacia virtuale” si trovano le risposte ai quesiti più frequentemente posti dal pubblico ai farmacisti. La correttezza dei contenuti scientifici è validata dalla supervisione di un pool di farmacisti, coordinato dalla Dottoressa Susanna Trave.

Questo servizio ha puro scopo informativo e in nessun caso può costituire la prescrizione di un trattamento, né sostituire il rapporto diretto con il proprio medico curante o una visita specialistica. Per approfondire gli argomenti e per avere risposte mirate a risolvere i vostri specifici problemi si consiglia di chiedere al farmacista di fiducia.

L’allestimento di questa “farmacia virtuale” è realizzato, in ottica di category management, in collaborazione con Bayer Consumer Health.

Torna su