Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Dopo 20 anni di matrimonio sento il desiderio di tradire mio marito, è normale?"

Dopo 20 anni di matrimonio sento il desiderio di tradire mio marito, è normale?

Questo argomento ricorre spesso nei dialoghi tra gli psicosessuologi e le donne. Ed è il segno che i tempi sono davvero cambiati.

Se in passato ad avere relazioni extra-coniugali erano esclusivamente, o quasi, gli uomini, oggi sono proprio loro a subire, sempre più spesso, un tradimento da parte di mogli o fidanzate.

Ma non è la stessa cosa: a differenza degli uomini, se è la donna a tradire, a essere coinvolta non è solo la sfera sessuale, ma anche quella sentimentale.

Nella maggior parte dei casi il fattore scatenante è la fine dell’amore oppure la sensazione di essere trascurata dal partner o di non sentirsi più appagata sentimentalmente dal rapporto di coppia.

Ma non solo. Capita che anche le donne, al pari degli uomini, tradiscano per mettere alla prova le proprie capacità seduttive o per sperimentarsi sessualmente. Ciò accade soprattutto in momenti della vita in cui si è alla ricerca di nuove conferme, come per esempio in fasi di passaggio come la nascita di un figlio o l’avvicinarsi della menopausa.

Non è quindi possibile definire come “normale” o “anormale” il desiderio di tradire il proprio partner dopo una relazione o un matrimonio che dura da tanti anni.

È però importante ricercarne dentro di sé le ragioni, per capire se si tratta di un semplice “capriccio”. Se invece questo desiderio è sintomo di un reale problema di coppia, il consiglio è quello di valutare se il rapporto è ormai irrimediabilmente compromesso, oppure se vale la pena concedere al vostro matrimonio un’altra chance.


Ha risposto Fabrizi Adele

Sessuologa

Adele Fabrizi

Sessuologa

Psicologa e psicoterapeuta, insegna Sessuologia Clinica all’Università Tor Vergata, Fondazione S. Lucia di Roma. È direttore della Rivista di sessuologia clinica, organo ufficiale della Società italiana di sessuologia scientifica. Inoltre, svolge attività di supervisione alla scuola di formazione per consulenti in sessuologia e psicoterapeuti in sessuologia dell’Istituto di Sessuologia Clinica (ISC) di Roma.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su