Pubblicità

Donne over 50: attente al cuore

Gli estrogeni porteggono dalle malattie cardiovascolari, è vero. Ma proprio per questo dopo la menopausa il cuore femminile diventa più vulnerabile.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Cuore donne prevenzione menopausa

Corrono gli stessi rischi dei coetanei maschi, ma non tutte lo sanno. Dopo la menopausa viene meno la protezione degli estrogeni: ecco che cosa bisogna sapere.

Chi pensa che l’infarto non sia un problema femminile sbaglia di grosso. Sappiamo ormai da diversi anni che anche le donne sono a rischio di malattie vascolari a carico delle arterie coronarie, quelle che portano sangue al cuore.

Però ci sono differenze notevoli. Durante tutta la vita fertile ogni donna può godere di uno speciale scudo protettivo: gli estrogeni.

Gli ormoni femminili garantiscono alle arterie delle donne una efficace protezione nei confronti dei processi aterosclerotici, in pratica la formazione di quelle placche che negli anni portano a un restringimento dei vasi sanguigni.

Se la formazione di queste placche è presente nell'uomo già a partire dai 30-40 anni, nella donna iniziano a comparire dopo la menopausa, quando cioè cessa la produzione fisiologica di estrogeni.

Che cosa cambia con la menopausa

Dopo i 50 anni, in corrispondenza con l’arrivo della menopausa, l’equilibrio ormonale delle donne cambia.

Non ci sono soltanto vampate e sbalzi d’umore in questo delicato periodo. Quando l’organismo cessa di produrre estrogeni, quantomeno nella stessa quantità di prima, la probabilità delle donne di essere colpite da infarto, ictus e trombosi si avvicina a quella degli uomini di pari età.

In effetti lo dicono anche le statistiche: le arterie e le vene di una donna, dopo i 50 anni, si ammalano quanto se non di più di quelle degli uomini.

Secondo recenti indagini, infatti, in Europa il 55 per cento delle donne muore per malattie vascolari, mentre per quanto riguarda gli uomini la mortalità per queste cause è pari al 40 per cento.

E se l’ictus, nell’uomo, è la terza causa di decesso, nella donna è la seconda.

Scopri perché il Coenzima Q10 è un amico del cuore delle donne leggendo questo articolo.

Non ci sono soltanto gli estrogeni

Va detto anche che il cuore delle donne è più piccolo, le loro coronarie sono di dimensioni più ridotte e si ammalano in modo più subdolo. In più, i farmaci che prevengono le malattie vascolari nei maschi non sono sempre così efficaci sull’organismo femminile.

Per non parlare dei comportamenti a rischio che negli ultimi decenni sono diventati usuali anche tra le donne. Come il fumo di sigaretta e l’abuso di bevande alcoliche.

Siccome poi la “mitologia” secondo cui l’infarto non riguarda le donne è dura a morire, molte fanno poca attività fisica, non controllano i livelli di colesterolo nel sangue e la pressione sanguigna.

Che fare per prevenirlo?

Il primo passo è la consapevolezza che dopo i 50 anni la probabilità di infarto delle donne è simile a quella degli uomini.

Condurre una vita sana, adottare un’alimentazione equilibrata, fare attività fisica, buttare via le sigarette e bere con moderazione sono regole d’oro che valgono per tutti e tutte.

Meglio ovviamente non aspettare la soglia della menopausa per cominciare a pensare a se stesse: eliminare il prima possibile tutti i fattori di rischio modificabili è fondamentale.

Infine è importante, in questa fase della vita, sottoporsi a visite mediche periodiche così da tenere sotto controllo quei parametri, come per esempio la pressione e il colesterolo, che rappresentano il campanello d’allarme su cui intervenire se non rientrano nei valori normali.

Andrea Carlini

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Panciroli Claudio Panciroli
Cardiologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA IL DOSSIER "CUORE"
VIDEO

Infarto, se lo conosci si può sconfiggere

Mortalita da infarto

Con pochi piccoli sforzi è possibile ridurre la mortalità per infarto.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sette segreti per mantenere il cuore in salute

  • Sovrappeso

    Mangiare sano e combattere il sovrappeso

    Evitare cibi troppo grassi, zuccheri e cereali raffinati, si sa, non può che far bene a tutto l’apparato cardiovascolare. Tra i tanti alimenti particolarmente utili per la salute del cuore bisogna ricordare l’olio d’oliva, la soia, il pesce azzurro, i pomodori e le noci.

  • Sport

    Tanti i benefici dello sport

    L’attività fisica è un vero toccasana per tutto l’organismo, a patto che non manchi la costanza. Per il cuore meglio quella aerobica, calibrando la frequenza e l’intensità in base alla proprie caratteristiche e condizioni fisiche. I vantaggi sono innumerevoli perché lo sport aiuta a combattere i grandi nemici del cuore: ipertensione, sovrappeso e stress.

  • Stress

    Al bando lo stress

    Essere costantemente sotto pressione causa un lavoro extra per il cuore, innesca infatti la produzione di adrenalina, che a sua volta aumenta il ritmo cardiaco e la pressione sanguigna. Attenzione quindi: se lo stress si prolunga a lungo, tanto da diventare cronico, l’azione dell’adrenalina può causare uno stato di sofferenza cardiaca.

  • Fumo

    No smoking

    Il fumo di sigaretta non fa male solo ai polmoni, ma anche al cuore e a tutto il sistema cardiovascolare. I suoi effetti deleteri vanno dall’accelerazione del battito cardiaco all’aumento della pressione, fino al restringimento delle arterie e alla maggiore probabilità che si formino pericolosi coaguli.

  • Colesterolo

    Abbassare il colesterolo, ma solo quello cattivo

    Buono o cattivo? Questo è il problema. Se il primo (l’HDL) è importante per il buon funzionamento dell’organismo, il secondo (l’LDL) è invece uno dei fattori di rischio più importanti per le malattie cardiache. Si può cercare di tenerlo sotto controllo con uno stile di vita sano, ma se i valori sono troppo elevati e non scendono si può ricorrere ad alcuni farmaci, come per esempio le statine.

  • Pressione

    Misurare la pressione

    La pressione sanguigna è la “forza” con cui il sangue viene immesso in circolo dal cuore: se è troppo alta, il cuore si affatica, aumenta di dimensioni ed è più a rischio di aterosclerosi.

  • Disturbi sonno

    Attenzione ai disturbi del sonno

    Dormire poco o male incide sicuramente sulla qualità di vita. Alcuni studi hanno dimostrato che insonnia e apnee notturne sono deleterie anche per il cuore, in quanto aumentano il rischio di scompenso cardiaco e ipertensione.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su