Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Diffusione e cure di verruche volgari"

La mia domanda concerne la diffusione di verruche sulla pianta e sulle dita del piede, ormai in numero altissimo. Da anni, regolarmente si ripresentano: la prima volta le ho curate chirurgicamente. Attualmente, sono passati 5 anni dalla prima comparsa di queste verruche e sono aumentate in maniera esponenziale. Vorrei sapere: le verruche sono croniche o posso sperare che scompaiano da sole prima di diffondersi ulteriormente? Ci sono delle cure efficaci non chirurgiche che possano risolvere definitivamente il problema? Mentre aspetto di trovare una soluzione definitiva, ritiene che sia controproducente l'uso di acidi quanto meno per ridurre le dimensioni delle verruche più visibili?

Le verruche volgari sono provocate da virus molto diffusi che devono però trovare un ambiente disposto a riceverli. L'organismo infettato si può sempre difendere anche dopo anni e anche se in certi periodi il virus sembra avere il sopravvento. I metodi e i rimedi per cercare di stimolare le proprie difese sono molteplici spesso non appartenenti alla medicina ufficiale. Ho assistito a numerosi casi di verruche recidivanti scomparire con l'aiuto di rimedi tradizionali popolari (per esempio il liquido prodotto da una fetta di melanzana cosparsa di sale), con la somministrazione di rimedi omeopatici, con l'agopuntura o con l'ipnosi medica. I cheratolitici come l'acido salicilico, devono essere usati con attenzione per evitare ulcerazioni intorno alle verruche.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su