Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Difetto interventricolare e diagnosi in utero"

Sono la mamma di una bimba di tre mesi. Durante la gravidanza, alla prima morfologica mi è stata diagnosticata una AOU. Al settimo mese è stato visto un rene pelvico più piccolo rispetto all'altro, in linea con le malformazioni associate all'AOU. Dopo la nascita, verso la fine del secondo mese, è stata fatta visita cardiologica (per crescita rallentata) che ha portato a intervento per un Div ampio. Ma il Div non è visibile nella morfologica? Nel mio caso sarebbe utile una consulenza da un genetista?

La presenza di due soli vasi a livello del cordone ombelicale (Arteria Ombelicale Unica o AOU) è talora accompagnata ad anomalie cromosomiche o ad alterazioni strutturali a diversi livelli. Il DIV può anche essere visto in una ecocardiografia, ma la diagnosi cardiologica nel feto è molto difficile ed è condizionata dall’età gestazionale, dalla posizione del feto, dalla dimensione dell’addome, dall’esperienza dell’operatore e da altri fattori ancora. Una consulenza genetica può essere di utile complemento.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su