RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Dieta in caso di Morbo di Addison e ipotiroidismo"

Convivo con il Morbo di Addison dal 2000, in cura sostitutiva. Soffro di ipotiroidismo anch'esso in cura. Avendo il metabolismo molto lento desidererei avere un consiglio su come mangiare e cosa mangiare per perdere dai 3-5 chili mantenendoli nel tempo senza dover fare diete drastiche. Premetto che mangio di tutto dalla verdura, alla frutta, carne, pesce, carboidrati anche integrali.

Lei soffre di due disturbi nei quali vi è sempre un rallentamento metabolico e tra l’altro sono due disturbi entrambi cronici che influenzano in maniera opposta anche il peso corporeo e le funzioni cardiovascolari. Per quanto riguarda le cure farmacologiche, lei sta già facendo ciò che serve, ma per quanto riguarda la dieta non mi è possibile dare dei consigli generali, non conoscendo il suo attuale stato nutrizionale. Posso solo consigliarle di tenere sotto controllo, sempre con l’aiuto del suo medico e di un endocrinologo, il peso, le condizioni cardiocircolatorie e gli esami specifici per la funzionalità delle surrenali e della tiroide. In base a queste misure, che vanno ripetute periodicamente, lei non deve fare diete drastiche, ma una sola dieta ben pianificata da un dietologo e personalizzata, cioè mirata al supporto delle cure farmacologiche per la correzione degli eventuali scompensi emersi dalle analisi.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su