Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Diarrea alla sospensione della terapia del reflusso"

Mi è stato diagnostico un reflusso gastro esofageo e prescritto omeprazolo per 15 giorni e di mantenere una dieta senza caffé/alcolici/cioccolato/agrumi/spezie/salumi. Alla seconda settimana di terapia il problema del riflusso è praticamente scomparso, ma ho iniziato ad accusare una leggera stipsi. Esattamente il giorno dopo aver terminato la terapia è poi comparsa diarrea progressivamente peggiorata. La dieta si è ridotta a riso bianco e pesce bollito, antidiarroici e fermenti non hanno sortito alcun effetto, mi sento il ventre gonfio e dolorante e mi pare ricomparso anche il problema gastrico. I due disturbi sono collegati?

La terapia per la malattia da reflusso consta di procinetici, antiacidi e inibitori di pompa protonica, associati a seconda dell’eziologia e delle caratteristiche della malattia. Questi ultimi possono dare alcuni effetti collaterali, in particolare il lansoprazolo in alcuni soggetti può predisporre a un alvo diarroico. Di solito vengono anche dati consigli dietetico-comportamentale, eliminando i cibi pro-reflussogeni. Tuttavia la terapia va proseguita per lunghi periodi, se con beneficio, è poi possibile fare dei cicli stagionali. I disturbi che riferisce non sono in relazione alla terapia, le consiglio ulteriori indagini.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su