RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Diagnosi di erisipela"

Mio padre (72 anni) soffre da circa 7 anni di una infezione latente che il medico di famiglia ha definito erisipela, suggerendo una cura di un'iniezione di penicillina mensile. Ma ancora oggi se ritarda troppi giorni nell'eseguire l'iniezione si ripresentano sintomi quali arrossamento di una gamba (che aveva fratturato 30 anni fa) a partire dalla tibia fino all'inguine e febbre molto alta e nausea. Tutte le analisi di sangue e urine sono sempre state regolari. Le chiedo cortesemente se è effettivamente possibile una forma di erisipela inguaribile.

Per rispondere alla domanda è necessario analizzare il quadro della situazione circolatoria dell'arto inferiore: venosa, arteriosa e linfatica, che può essere stata compromessa dall'antica frattura. Esami specifici sono necessari per individuare un'eventuale presenza di focolai infettivi cronici o una condizione che predisponga, ad esempio, ad episodi ricorrenti di tromboflebite. Consiglierei, qualora non lo sia già stato fatto, una visita specialistica angiologica e dermatologica.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su