Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Crisi nervose nel momeno della cacca"

La mia bimba di 2 anni e 9 mesi non ha mai avuto problemi legati al far la cacca fino a quando, quest'estate le abbiamo tolto il pannolino. Ha accettato subito il vasino e in un giorno ha imparato a riconoscere lo stimolo della pipì e della cacca. Il problema è che nella prima giornata non ha fatto cacca, così il giorno dopo nel farla le si sono formate delle ragadine che le hanno provocato dolore. Da quel momento è stato un delirio crescente. Siamo arrivati al punto che, dopo tre/quattro giorni che la tiene si fa sedere sul vasino e inizia a strillare, a sbattere in aria braccia e gambe, a piangere e sudare... ha delle vere crisi nervose. Quando poi non riesce proprio più a tenerla, si blocca ed inizia a spingere. Lì tutto si calma, la lascia andare tutta, si rasserena e torna di buon umore. Abbiamo provato di tutto, che si può fare?

Il momento in cui si raggiunge il controllo degli sfinteri è una tappa cruciale per la maturazione psicoaffettiva del bambino: impara a controllare il proprio corpo, scopre che una sua azione provoca delle reazioni in chi gli sta accanto. Scopre anche che può controllare e provocare queste reazioni. Non mi pare che la sua bambina abbia problemi di controllo sfinterico, anzi, forse siamo nella situazione opposta, di eccesso di controllo. Forse le difficoltà che incontra nell'assecondare uno stimolo fisiologico, che mi pare che percepisca benissimo, sono solo una spia, un sintomo di un momento di difficoltà di relazione un po' più ampio. Può essere una ricerca di protrarre l'accudimento da bambina piccola, oppure il timore di lasciare andare qualcosa di sé. Comunque, sposterei l'attenzione dal solo momento dell'evacuare, per valutare la bambina nel suo insieme, con l'aiuto del suo pediatra, per vedere a che punto è il resto della maturazione affettiva, come affronta il distacco dalla madre (lasciare il pannolino è anche lasciare un contatto molto stretto con la madre). Toglierei un po' di attenzione all'atto di evacuare, per sostenere e incoraggiare la crescita e l'autonomia della bambina in generale. Niente clisteri o simili, anche i libri sull'argomento vanno usati con moderazione. La "cacca" non è "il" problema, va affrontata come sintomo.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su