Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Come gestire il distacco dal bimbo"

Mia figlia ha 30 mesi ed è figlia unica. Abbiamo una vita semplice e regolare, non va al nido e sta con me 24 h su 24, ma non le mancano situazioni di socializzazione. È senza pannolino già dai due anni ed è sempre stata autonoma nel mangiare e nel dormire. Da un paio di settimane però, dopo una mia breve assenza di 3 giorni è un'altra: spesso vuole farsi imboccare, è un NO a tutto, è diventata ossessiva con me, devo sempre essere li vicino. Se la lascio piange un po’ e poi si calma e ritorna a giocare serena, la crisi non dura piu di mezz'ora. Ma metterla a letto è diventata un'impresa che mi occupa anche due ore, nelle quali: urla, grida, lancia il suo pupazzetto, mi "vieta" di andarmene. Possibile che tutto ciò sia stato provocato dal mio temporaneo distacco? Cosa posso fare per aiutarla a lasciarmi andare?

Il distacco dalla madre è sempre un po' traumatico, per entrambi, madre e figlio. Più il bimbo è grande più gli effetti possono essere evidenti. Direi che una madre che si allontana da un figlio di 30 mesi non fa nulla di sbagliato, purchè il figlio sia affidato a persone di fiducia. La reazione della sua bambina è un poco eccessiva, ma non è certo la sola a reagire male. Abituata a vedere sempre la mamma è rimasta un po' spaesata dal tempraneo cambiamento. La reazione della mamma deve però essere ferma: deve lei per prima convincersi che allontanarsi da sua figlia è giusto e doveroso, la simbiosi deve finire con la crescita, sia la madre che il figlio devono ritrovare i loro spazi di autonomia, senza sensi di colpa. Gestire con dolcezza e affetto la reazione della bambina è altrettanto giusto, concordo con lei nel non essere drastica. Ma affetto e dolcezza non significano lasciarsi travolgere dall'emotività della bimba. Cerchi di esser "drastica" con se stessa nel convincersi che ha fatto bene ad allontanarsi dalla bambina, che stare sempre con la mamma (anche frequentando altri bambini, ma con la mamma presente) non è giusto, che abituarla a stare senza di lei è un percorso giusto della sua educazione. Non assecondi richieste estenuanti ed eccessive della piccola, che a volte sembrano un po' un capriccio e una manifestazione di rabbia, più che paura perchè la madre non ci sia. Affettuosa sì, ma determinata nel comunicare alla figlia che non è successo proprio nulla.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su